iten
Home » Laboratori di Ricerca tecnologica

Laboratori di Ricerca tecnologica

COLD

Il laboratorio COLD (CryOgenic Laboratory for Detectors) è il laboratorio criogenico dei LNF.

Scopri di più »

DDG – Lab

Il Detector Development Group (DDG – Lab, LNF – INFN) è stato impegnato sin dal 1985 in attività di Ricerca e Sviluppo, progettazione e costruzione di rivelatori a gas: tubi a filo operanti in regime proporzionale e streamer (1985-1990), Resistive Plate Counter (RPC) con elettrodi in vetro (1991-1994), grandi camere a deriva (1995-1997) e Micro-Pattern-Gaseous-Detector (MPGD – dal 2000), per applicazioni in grandi esperimenti di fisica delle alte energie.

Scopri di più »

LAMPS

Nel laboratorio LAMPS vengono condotte ricerche su materiali magnetici, superconduttori e sistemi correlati mediante apparati criogenici in grado di studiare il comportamento dinamico di questi materiali sottoposti a condizioni estreme di temperatura e campi magnetici sia per descrivere proprietà fondamentali come la conducibilità elettrica e la suscettività magnetica.

Scopri di più »

LEMRAP

Il laboratorio LEMRAP (Laboratory for Environmental and Medical RAdiation Physics) opera nei campi della progettazione, simulazione, caratterizzazione e prova di rivelatori per radiazioni ionizzanti. Il lavoro svolto in LEMRAP è mirato allo sviluppo e realizzazione di prototipi, con particolare attenzione alla misura dei livelli di radiazione negli ambiti nucleare, ambientale, industriale, medico e di ricerca. Le attività si collocano all’interno di progetti INFN o nell’ambito di accordi di trasferimento tecnologico con imprese private.

Scopri di più »

NEXT

È il laboratorio di nanoscienze dei LNF. Dagli inizi degli anni 2000 i ricercatori del gruppo NEXT hanno acquisito una solida e riconosciuta esperienza nella sintesi e ingegnerizzazione di materiali nanostrutturati carboniosi come nanotubi di carbonio, nanoplacchette di grafene e nella realizzazione di “fogli di nanotubi intrecciati” chiamati buckypapers.

Scopri di più »

Singularity

Lo scopo del progetto “Singularity” è studiare la fattibilità di una completa automazione di un acceleratore di particelle attraverso lo sviluppo combinato di applicazioni software di intelligenza artificiale (IA) e un hardware di sicurezza in grado di controllare e monitorare i dispositivi dell’acceleratore.

Scopri di più »

SL_EXIN

Il progetto EXIN (external injection) nasce dalla sfida di combinare acceleratori convenzionali con acceleratori al plasma.

Scopri di più »

SCF_Lab

È un laboratorio di ricerca e industriale dedicato al disegno, alla costruzione, alla caratterizzazione e qualifica spaziale di retroriflettori laser installati su satelliti artificiali e corpi celesti per il loro posizionamento di precisione tramite la tecnica del tracciamento laser, ovvero la misura accurata del tempo di volo d’impulsi laser corti.

Scopri di più »

X-Lab Frascati

L’XLab Frascati (XlabF, Resp. Prof. S. Dabagov) è specializzato nella ricerca sperimentale e teorica delle interazioni di fasci di particelle cariche e della radiazione elettromagnetica tra loro stessi e con la materia, offrendo inoltre la possibilità di condurre esperimenti con tecniche analitiche basate sull’impiego dei raggi X (Tomografia, Diffrattometria e Fluorescenza).

Scopri di più »

ARYA

Il progetto ARYA mira a studiare i problemi connessi all’uso di diversi tipi di materiali all’interno degli acceleratori e ne studia gli effetti in termini di vuoto statico e dinamico, impedenze, desorbimento indotto da elettroni e fotoni, stabilità di fascio e tutti gli eventuali effetti dannosi indotti dalla possibile insorgenza di effetti collettivi.

Scopri di più »