iten
Home » In evidenza » Prime collisioni a SuperKEKB

Prime collisioni a SuperKEKB

La sala controllo di Belle II durante le prime collisioni.

Il 25 marzo 2019 alle 11:44 il SuperKEKB ha ripreso le collisioni elettrone-positrone presso il laboratorio KEK di Tsukuba (Giappone). L’esperimento Belle II ha dato quindi il via alla presa dati disponendo di un rivelatore perfettamente attrezzato.

È la prima volta che elettroni e positroni vengono fatti collidere all’interno di Belle II, a seguito del run pilota che si è svolto tra il marzo e il luglio 2018.

Belle II e SuperKEKB sono pronti a diventare la prima Super B factory al mondo. SuperKEKB è progettato per raggiungere una luminosità 40 volte più elevata rispetto all’attuale record mondiale detenuto dal suo predecessore KEKB. Belle II effettuerà una vasta gamma di misurazioni di estrema precisione fondamentali nella fisica del flavour, in particolare delle proprietà di quark bottom, quark charm e leptoni tau. Negli ultimi anni, si è registrato in ogni parte del mondo un notevole entusiasmo rispetto a una serie di intriganti indizi circa una nuova fisica nei decadimenti dei mesoni B. Nel prossimo decennio, Belle II raccoglierà dati sufficienti a confermare o scartare l’esistenza di una nuova fisica in questi decadimenti. Belle II condurrà inoltre una serie di eccezionali ricerche sulle particelle di materia oscura.

Il contributo italiano al progetto è stato ed è tuttora fondamentale. Il notevole aumento di luminosità di SuperKEKB si basa sulla tecnica dei “nano-beams”, fasci di dimensione verticale nanometrica, elaborata per la super flavour factory italiana, SuperB, dal fisico dei LNF Pantaleo Raimondi, ex direttore della Divisione Acceleratori dei nostri laboratori.

Il rivelatore Belle II di SuperKEKB è stato progettato e costruito da una collaborazione internazionale che conta oltre 750 ricercatori da 25 paesi, alla quale l’Italia partecipa con più di 70 scienziati da 9 diverse sezioni e laboratori dell’INFN. Il gruppo dei Laboratori Nazionali di Frascati, insieme alla Sezione di Roma 3, ha realizzato l’elettronica di lettura per i rivelatori RPC destinati al sistema di rivelazione di muoni e mesoni K.

Per maggiori informazioni, consultare il comunicato stampa dell’INFN

 

Il primo evento candidato B – anti-B durante la Fase 3 del run di Belle II.

 

Traduzione a cura di Camilla Paola Maglione, Ufficio Comunicazione INFN-LNF