iten
Home » News » Luce da linac compatti

Luce da linac compatti

La frontiera della tecnologia negli acceleratori linac, sviluppata da vari Laboratori europei, verrà impiegata per fornire una nuova generazione di macchine compatte, da utilizzare nei laser a elettroni liberi (a raggi X) e per altre applicazioni, come i linac ad uso medicale. A tal fine un nuovo progetto da 3 milioni di euro è stato recentemente finanziato dal programma Horizon 2020 della Commissione Europea. “CompactLight”, la cui partenza è prevista per gennaio 2018, si propone d’ideare il primo XFEL duro basato su tecnologia in banda X da 12 GHz, la quale ha avuto origine dalla ricerca nel campo degli acceleratori lineari ad alta energia.

Un consorzio di 21 istituzioni leader in ambito europeo, inclusi Elettra (istituzione coordinatrice), CERN, PSI, KIT e INFN-LNF, oltre a sette università e due partner del mondo dell’industria (Kyma e VDL), stanno collaborando per raggiungere quest’ambizioso obiettivo entro i tre anni del finanziamento appena concesso.

La tecnologia in banda X, che fornisce gradienti di accelerazione di 100 MV/m o maggiori in un dispositivo estremamente compatto, è ormai una realtà. Si tratta del risultato di molti anni d’intensa attività in R&D portata avanti a SLAC (US) e al KEK (Japan), nell’ambito dei precedenti progetti NLC e JLC, e al CERN nel quadro del Compact Linear Collider (CLIC). Il gruppo INFN-LNF svolge un ruolo particolarmente attivo nel progetto “CompactLight”: la tecnologia in banda X rappresenta uno degli elementi chiave del recente Conceptual Design Report preparato in vista della facility FEL, EuPRAXIA@SPARC_LAB, che sarà costruita presso i LNF.